SINDROMI CRANIO FACCIALI

di Margherita De Bac

Settembre in Sardegna è stato il mese dedicato alla sensibilizzazione sulle sindromi cranio facciali e della craniostenosi. Considerate da alcuni malattie rare, colpiscono in media 1 bambino ogni 2000 nati vivi. Si tratta della fusione di una o più suture del cranio che creano problemi più o meno gravi, a seconda del numero e delle suture colpite. C’è una sola via per cercare di riparare, la chirurgia del neurochirurgo pediatrico. Tuttavia alcune volte si rende necessario l’intervento di altri specialisti, come i maxillo-facciali. Gli interventi devono essere fatti in un tempo che va dai 3 mesi di vita fino ad 1 anno. Il problema è che, il più delle volte le diagnosi arrivano in ritardo, proprio perché questa malattia non è conosciuta. Ora, la mia richiesta è questa: far arrivare il nostro messaggio a più persone possibili, e magari aiutare quei genitori che si trovano in balìa delle onde con diagnosi sbagliate.

Print Friendly, PDF & Email
©2012, MediArt S.r.l.